Ogni giorno commetto un errore!

Quanti di voi hanno già sentito il proprio capo che vi annuncia di aver fatto un errore? Perché è importante fare degli errori? La cattiveria, l’ingiustizia e l’ipocrisia. Leggo da un blog: “tutti almeno una volta nella loro vita hanno commesso un errore, tutti hanno sbagliato chi più, chi meno! Io mi chiedo com’è possibile„Ogni giorno commetto un errore!“ weiterlesen

Micromanagement: una tendenza disastrosa per la leadership di successo

Ecco un altro inglesismo dove fra il serio e il faceto si predilige un’accezione negativa al termine del management attuale. Il micromanagement è una realtà. Una realtà però non nuova. Insomma, una delle tante minestre riscaldate. In ambito militare possiamo parlare anche di micro-condotta, ma non saremmo moderni, quindi rassegniamoci all’assioma inglese. Probabilmente però come„Micromanagement: una tendenza disastrosa per la leadership di successo“ weiterlesen

Il gioco del domino e il ballo delle decisioni

Dal Top-Manager al capo ufficio. Chi prende più decisioni? Il concetto de “inversamente proporzionale”. Il pericolo del micro-management. Il capo come una mina vagante. Vi siete mai chiesti, come responsabili, capi, capetti, manager, top-manager o presunti tali, cosa succede ogni volta che prendete una decisione? Anche una semplice decisione (anche se bisogna chiedersi, se effettivamente„Il gioco del domino e il ballo delle decisioni“ weiterlesen

„Abbiamo sempre fatto così!“ – Il déjà vu del cambiamento

Perché cambiare? Abbiamo sempre fatto così! Cambiare perché si deve cambiare. Il cambiamento libertino. Non tutto il passato è da buttare. Il vecchio è come il nuovo. Il nuovo è come il vecchio. Le ragioni del cambiamento. Quotidianamente e riferendomi alla condotta del personale o al più chiaro concetto del management, non è raro sentire„„Abbiamo sempre fatto così!“ – Il déjà vu del cambiamento“ weiterlesen

Riconoscimento e prestazione

La professione prima di tutto. Se non scali la piramide non sei nessuno. Il ruolo delle attività extra-professionali. Lo stile di condotta e l’ambiente di lavoro. Praedicant bonum et malum scalpendi (predicare bene e razzolare male). Motivare non vuol dire non condurre. Una situazione di crisi deve essere temporanea. L’esercito in situazione di crisi, l’esercito„Riconoscimento e prestazione“ weiterlesen

L’equilibrio nella condotta

In ambito militare, i quadri superiori devono essere degli accademici. La condotta non è una disciplina universitaria. Il management non è la condotta. Anche l’artigiano o il semplice operaio o impiegato può essere un ottimo condottiero. Un minimo di istruzione è comunque necessaria. Nell’ambito della mia attività professionale presso la scuola „istruzione superiore dei quadri„L’equilibrio nella condotta“ weiterlesen